Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

Guarda la Cookie Policy

View e-Privacy Directive Documents

Non hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Sceglieva gli autobus più affollati e frequentati da studentesse, tra le quali sceglieva le sue vittime, anche minorenni. Poi si avvicinava alla malcapitata e la molestava sessualmente, "strusciandosi" contro di lei o palpeggiandola. Queste le accuse che hanno indotto la Procura di Modena ha chiesto un ordine di custodia cautelare nei confronti di un 35 enne tunisino, residente a Bologna e con numerosi precedenti penali.

Tutto ha avuto inizio poco più di un mese fa, quando una giovanissima vittima ha trovato il coraggio di raccontare in famiglia e poi a un'operatrice del Nucleo Problematiche del Territorio della Polizia Municipale, quanto le era accaduto sull'autobus. Ne è nata un'indagine che ha trovato numerosi riscontri e conferme nelle testimonianze di altre donne da cui è emerso un quadro preoccupante di molestie perpetrate dallo stesso uomo in pieno giorno su diversi autobus.

Individuare il responsabile non è stato difficile, grazie agli appostamenti e all'ausilio delle telecamere posizionate sui mezzi, che hanno consentito agli agenti di identificare il soggetto e di ricostruire il suo modus operandi.

A carico del tunisino erano già state raccolte quattro denunce da parte di altrettante donne molestate. È stata raccolta anche la testimonianza di un autista, che ha riportato un episodio secondo il quale l'uomo avrebbe rivolto offese e minacce a una ragazza che aveva reagito alle sue molestie, al punto da richiedere la fermata del mezzo.

Il provvedimento di custodia cautelare è stato eseguito dal Nucleo Problematiche del Territorio della Polizia Municipale di Modena nella giornata di martedì 10 aprile. Il molestatore seriale è stato individuato in Largo Garibaldi su un autobus della linea 7, dove, evidentemente, aveva intenzione di entrare in azione. Ad attenderlo ha invece trovato quattro agenti, a cui ha tentato di porre resistenza, colpendo addirittura uno di loro con una testata.

L'uomo, che ha una lunga lista di precedenti penali, tra cui resistenza a pubblico ufficiale, spaccio di stupefacenti, lesioni, rissa e maltrattamenti in famiglia, aveva in tasca circa 60 sanzioni elevate per mancanza del titolo di viaggio, una vecchia carta di identità che esibiva ai controllori, mentre il suo permesso di soggiorno risulta scaduto. Ora si trova nel Carcere di Sant'Anna, dove resta in attesa di giudizio.

La Municipale invita chiunque sia stata vittima delle molestie dell'uomo a presentarsi al Comando di via Galilei per effettuare il riconoscimento fotografico ed eventualmente, presentare denuncia.