Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

Guarda la Cookie Policy

View e-Privacy Directive Documents

Non hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

L’Autore Marino Valentini esce fuori dagli schemi usuali di saggistica e, attraverso un personalissimo approccio descrittivo, riporta la storia di Chieti analizzando taluni fatti realmente accaduti e talaltri personaggi realmente vissuti che hanno in comune la caratteristica di essere poco conosciuti ai più, se non del tutto ignoti. Cinquanta capitoli corrispondenti ad altrettanti eventi che hanno in Chieti e il suo territorio, il comune denominatore e che vengono narrati in un taglio espositivo quasi giornalistico. Le storie riportate sul libro, parafrasando un best seller, potrebbero essere idealmente rappresentate come cinquanta sfumature di teatinità, a testimonianza dell’amore per la città di Chieti, che i capitoli del volume sprigionano e che interpretano il non celato sentimento dell’autore per la sua terra. La prefazione è stata curata da Raffaele Bigi, noto storico della tradizione teatina.

Marino Valentini è nato nel 1961 ad Agnone da famiglia frainese e si è trasferito subito dopo a Chieti, dove tuttora risiede. È sposato ed ha due figli. Ha frequentato l’I.T.C. F. Galiani di Chieti e successivamente la Facoltà teramana di Giurisprudenza dell’Università G. D’Annunzio di Chieti. Per circa trent’anni ha lavorato in ambito finanziario, in particolare è stato Direttore di Filiale di una banca locale. Attualmente è libero professionista quale analista finanziario e consulente in materia bancaria.  
È Presidente della M.C.T., un'associazione culturale teatina che si occupa di promozione, in vari ambiti sociali ed economici, del territorio di Chieti e della sua Provincia. Fervente sostenitore delle teorie d’ispirazione giuridica in campo monetario del prof. Giacinto Auriti, è l’ideatore del Marrucinum, il progetto di moneta complementare nella città di Chieti.  
Ha scritto Onirica, Accordo suicida e i saggi La Congiunzione perfetta, A.P.P. The Songbook, Il Patto tradito, La Bibliografia di Chieti, Le pillole teatine e Il Naufragio dell’Utopia, con il quale nel 2015 ha vinto il premio La valigia di cartone, riservato a scrittori, e studiosi che si sono particolarmente distinti nella trattazione del fenomeno dell’emigrazione italiana.  
Ha da poco pubblicato la Storia semiseria teatina, un racconto dissacrante su Chieti a metà strada tra saggistica e narrativa ed è prossima l’uscita di un volume sulla musica.